• Facebook - Grey Circle
  • Pinterest - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Homepage

Copyright: © Creare Sempre 2018

P. Iva: 01306380328

All rights reserved.

 

  • Anastasia

5 buone ragioni per amare le foto “in posa”

Aggiornato il: 8 nov 2018

...per il giorno del matrimonio.


Spesso, quando si pensa ad un servizio fotografico per il matrimonio, si cerca un fotografo bravo a fare il reportage. Una scelta sicuramente saggia, se è prevista una giornata super impegnativa, oppure lo sposo (succede più spesso ai maschi ovviamente) ha un'allergia grave per i fotografi e comincia ad avere i pruriti di nervosismo appena vede l'obbiettivo puntato su di lui. Ebbene, ci sono almeno 5 buone ragioni per amare anche le foto “in posa”.

1. Sono belle!

La prima ragione può sembrare banale: le foto "in posa" sono belle e tante volte anche molto particolari. Ok, vorrei precisare che non sto parlando delle foto in pose forzate, dove gli sposi si congelano in posizioni innaturali o strane del tipo “stiamo-davanti-al-fotografo-e-non-sappiamo-che-ci-facciamo-qui”, ne di quelle noiose, viste e riviste in ogni album fotografico matrimoniale e ancor meno di quelle, dove gli sposi sono posizionati in posti poco probabili, che, quando guardi la foto, viene spontanea la domanda “ma perché??” Insomma parlo delle foto studiate nei minimi dettagli, per fare le quali magari ci è voluta un po' o tanta pazienza da parte degli sposi, un po' o tanta guida da parte del fotografo, ma il risultato alla fine sarà abbastanza, se non del tutto, naturale.





Patrick Demarchelier, uno dei più famosi fotografi di moda in tutto il mondo, sosteneva che la bellezza dello scatto sta nella sua naturalezza, anche se in realtà ci è voluto tanto lavoro per farlo.










Helmut Newton, il genio che con le sue opere ha sovvertito le regole della fotografia, rifiutava di scattare una foto se prima non la studiava nei minimi dettagli.






2. Una foto per la cornice?


La seconda ragione è pratica. È bello avere tante foto “reportage”, con tanti momenti più spontanei e più emozionanti della giornata: il papà della sposa che la bacia sulla fronte, una lacrima di gioia di qualche ospite, lo sposo emozionato all'altare ecc, ecc. Ma ne vogliamo avere qualcuna in un certo senso tradizionale: dei due sposi da mettere in una cornice? La famiglia davanti alla chiesa?


Può sembrare scontato, ma, credetemi, ci sono alcuni fotografi bravissimi a fare i reportage, passando con voi la giornata senza mai disturbarvi, come se fossero invisibili e consegnandovi le foto di tanti momenti speciali; tra le quali però non ne troverete una, dove non siate circondati dagli ospiti, operatori oppure semplicemente dagli oggetti del momento. Oppure ci saranno, ma della serie “io e lui davanti all'obbiettivo come due soldatini”. La stessa cosa per le foto con i parenti, gli amici e altri ospiti.


"Foto in posa” non sempre vuol dire "foto senza emozioni spontanee". Anche se il vostro fotografo non è Jerry Ghionis (capace di rendere uno spettacolo unico ogni foto di gruppo), dovrà pur sempre guidarvi per farle. E in questo caso più saprà farlo, meglio verranno.


Le foto di Jerry Ghionis parlano chiaramente: "in posa" non vuol dire "poco spontanee".

3. Raccontare una storia mai successa


La mattina in cui io dovevo prepararmi per raggiungere lo sposo all'altare, avevo una tale paura di fare tardi, che, nonostante mancassero ancora 2 ore alla cerimonia, non volevo aspettare nessuno della mia famiglia per essere aiutata nei preparativi. Il risultato? Eccolo qui:





Quando sono arrivati, ero seduta truccata, pettinata, vestita, con il velo in testa e mi facevo i selfie da mettere su instagram.






Tutte le foto di mia mamma che aggiusta il velo, di mia sorella che abbottona l'abito, insomma, tutte queste sciocchezze sentimentali che fanno tenerezza quando guardiamo le foto dei preparativi della sposa, i miei fotografi le hanno dovute ricostruire.

E quindi abbiamo dovuto posare.


Una delle foto di quella mattina che amo di più...

Non è l'unica storia che potrebbe “mai succedere” nel giorno delle nozze. Le amiche della sposa che non si avvicinano mai tutte insieme nonostante abbiano i vestiti dello stesso colore tema del matrimonio? Gli amici dello sposo idem. Nessuno che chiede alla sposa di vedere l'anello? I genitori di entrambi mai radunati insieme in tutta la giornata?

Pensando a tutti gli impegni che hanno quel giorno è più una regola che un'eccezione...


Ma la storia, che non succederà al 99%, è quella di un gruppo di persone che parlano tra di loro in fila davanti al fotografo, senza dargli mai le spalle. E invece potrebbe essere una bella storia.




4. Una dimensione in più alla realtà


E quando la giornata del matrimonio è così ricca di eventi che diventa impossibile riprendere ogni momento speciale, sopratutto se il fotografo è da solo, mentre la festa inizia ad essere popolata sin da prima mattina, alle preparativi della sposa? Mentre la piccola damigella guarda incantata il bouquet sul tavolino o si sta provando il velo, la mamma e la sposa si danno un bacio con le lacrime di gioia agli occhi... Niente paura, si può sempre fotografare il momento più difficile da ripetere e poi “ricostruire” quello perso.



Qual'è di questi due momenti, che stavano succedendo contemporaneamente, ho dovuto "ricostruire" chiedendo i soggetti di posare?

5. Essere più belli possibile


Qual'è la prima cosa che facciamo, quando vediamo una foto in cui siamo stati ripresi? Se siamo venuti bene ovviamente. Ed è questa ultima nella mia lista, ma sicuramente non per la sua importanza, la ragione per amare le foto in posa: permettono di nascondere i difetti ed esaltare i pregi, in modo che non solo veniamo bene, veniamo splendidamente, meravigliosamente belli!




D'altronde quando, se non nel giorno del matrimonio, se non con l'aiuto di un professionista, abbiamo la possibilità di fare le foto da copertina di una rivista? A meno che fare i modelli non è la vostra professione, io direi mai!








I prossimi argomenti che tratteremo sono:


Per ricevere gli aggiornamenti del blog basta iscriversi alla nostra pagina fb.


190 visualizzazioni